RECENSIONE: GARNIER ULTRA DOLCE BALSAMO CREMA OLIO DI AVOCADO E BURRO DI KARITE’

Ciao ragazze! Oggi vorrei parlarvi di un prodottino che mi sta piacendo davvero moltissimo e che vorrei consigliare a tutte quelle ragazze che cercano di evitare prodotti per capelli con siliconi e paraffina ma che non possono o non vogliono ordinare on-line. Il balsamo in questione è il balsamo Ultra Dolce di Garnier all’olio di avocado e burro di Karitè!

P42034_pack

INCI:
Immagine AQUA
Immagine CETEARYL ALCOHOL
Immagine ELAEIS GUINEENSIS (PALM) OIL
Immagine BEHENTRIMONIUM CHLORIDE
Immagine CI 15985 / YELLOW 6 (colorante cosmetico)
Immagine CI 19140 / YELLOW 5 (colorante cosmetico)
Immagine STEARAMIDOPROPYL DIMETHYLAMINE (antistatico)
Immagine CHLORHEXIDINE DIHYDROCHLORIDE (conservante)
Immagine PERSEA GRATISSIMA / AVOCADO OIL
Immagine METHYLPARABEN
Immagine CITRIC ACID
Immagine BUTYROSPERMUM PARKII (SHEA) BUTTER
Immagine HEXYL CINNAMAL
Immagine GLYCERIN
Immagine PARFUM/FRAGRANCE

Premettendo che ovviamente l’inci non è perfetto, essendo un prodotto a risciacquo che non metto a contatto con la cute ma solo sulle lunghezze, trovo che sia un ottimo compromesso sia per quel che riguarda l’effetto finale sui capelli sia per il prezzo davvero abbordabile. Ho infatti pagato questo balsamo non più di 3,00€ per 200ml di prodotto, il quale si presenta appunto con una consistenza densa e cremosa di colore giallino e dalla profumazione piuttosto neutra. Più che un balsamo ha quasi l’effetto di una maschera e con una sola noce riuscite a togliere quel fastidioso effetto crespo che conosce bene chi ha i capelli fini come i miei! Saltuariamente abbondo nell’applicazione e lo lascio agire un pò più a lungo trovandomi poi le lunghezze morbidissime ma sopratutto lucide. Essendo un prodottino piuttosto pesante ovviamente lo sconsiglio a chi ha problemi di capello grasso. Inutile dire che se avete la possibilità di ordinare on-line e/o spendere di più potete sicuramente trovare di meglio sopratutto per quel che riguarda la qualità degli ingredienti.. per quel che mi riguarda in questo periodo preferisco dare la priorità ad altro e magari spendere un pò di più per uno shampoo bio che viene a contatto con la pelle piuttosto che per il balsamo. Per oggi è tutto ragazze, spero che la recensione vi sia stata utile 😉 Alla prossima!

naturalmenteJo

 

RECENSIONE: FISIO-SHAMPOO ALL’OLIO DI MACADAMIA OMIA LABORATORIES

Ciao ragazze! Come vi avevo accennato su facebook questo è un periodo di cambiamenti per me e ciò mi ha portato a trascurare il blog.. oltre alla casa nuova e tutti i problemi che ne derivano (chi sta facendo casa sa di cosa sto parlando), ho deciso di lasciare l’università e di tentare le selezioni per il corso di tecnico ambientale. Ieri sera mi hanno comunicato di essere stata scelta e se tutto va bene, lunedì comincerò questa mia nuova avventura che mi terrà occupata 8 ore al giorno per i prossimi 5 mesi e spero anche oltre.. ciò ovviamente mi porterà ad essere meno presente, ma cercherò di aggiornare il blog il più possibile.

Fatta questa doverosa parentesi, passo al post vero e proprio ovvero le mie impressioni di utilizzo sullo Shampoo alla macadamia di Omia Laboratories.

fisio-shampoo-olio-di-macadamia-omia-laboratoires

 

INCI:
Immagine AQUA
Immagine COCAMIDOPROPYL BETAINE
Immagine SODIUM LAUROYL SARCOSINATE
Immagine SODIUM MYRISTOYL SARCOSINATE
Immagine COCOGLUCOSIDE
Immagine GLYCERYL OLEATE
Immagine MACADAMIA TERNIFOLIA SEED OIL
Immagine LINUM USITATISSIMUM SEED EXTRACT
Immagine GLYCERIN
Immagine PCA
Immagine PROPANEDIOL
Immagine GUAR HYDROXYPROPYLTRIMONIUM CHLORIDE
Immagine TOCOPHEROL
Immagine TETRASODIUM GLUTAMATE DIACETATE
Immagine SODIUM BENZOATE
Immagine PHENOXYETHANOL
Immagine CITRIC ACID
Immagine PARFUM

Non essendo io una fan della Omia Laboratories per i brutti trascorsi avuti con la loro maschera per capelli (clicca qui), la quale giace ancora sulla mia mensola del bagno senza che io riesca a trovarle un uso alternativo (mia madre me l’ha gentilmente ridata visto che non piace manco a lei).. quando quest’ultima è arrivata con il fisio shampoo alla macadamia tutta baldanzosa perchè c’era scritto ICEA sulla confezione, ammetto di averli guardati entrambi con estrema diffidenza (si, mia madre ora guarda se trova il bollino ICEA.. ho creato un mostro!). Nel frattempo è passato qualche mese e a furia di consumarlo di occhiatacce mi sono decisa a capitolare e a provarlo. Come shampoo è piuttosto anonimo: il packaging è semplice, si presenta sotto forma di gel trasparente semi fluido e non ha chissà che profumazione. Sulla questione profumazione vorrei precisare che mi nausea abbastanza perchè è si neutra, ma con una nota di coda piuttosto dolciastra che mi ricorda un vecchio fondo l’Oreal di mia madre. La consistenza è buona e permette una facile applicazione, ma fa ben poca schiuma, perciò se non siete abituate agli shampoo ecobio potreste avere la sensazione che non lavi. L’azione lavante è affidata alla betaina, un tensioattivo non particolarmente biodegradabile che lava bene, ma che è certamente più delicato dello SLES e dell’SLS. Per quel che mi riguarda mi ha lasciato i capelli puliti senza però seccare eccessivamente ne la cute ne le lunghezze; non mi ha risvegliato la dermatite e le tempistiche tra un lavaggio e l’altro sono rimaste inalterate. Insomma, nonostante me la sia legata al dito per la questione maschera, devo ammettere che il fisio shampoo è un buon prodottino. Personalmente non penso lo ricomprerò di mia spontanea volontà perchè la profumazione proprio non mi piace, ma per le sue performance lavanti non posso che promuoverlo!

Anche per oggi è tutto! Alla prossima recensione 😉

naturalmenteJo

RECENSIONE: SHAMPOO LAVAGGI FREQUENTI MALVA E CALENDULA TEA NATURA

Eccomi tornata per parlarvi dello Shampoo lavaggi frequenti Malva e Calendula di Tea Natura che ho acquistato nel mio ultimo ordine da Bioalchemilla.

_DSC0346

 

Inci:

vv AQUA

vv DISODIUM COCO GLUCOSIDE CITRATE [Tensioattivo anionico di origine naturale, ottenuto da fonti rinnovabili quali zucchero e alcoli grassi vegetali. Produce la schiuma necessaria per una buona detersione, ma è delicato per la pelle e gli occhi.]

vv CAPRYLYL/CAPRYL GLUCOSIDE

v SODIUM LAUROYL SARCOSINATE

v SODIUM LAUROYL GLUTAMATE

vv GLYCERIN

vv YUCCA VERA EXTRACT

vv SODIUM CHLORIDE

vv CALENDULA OFFICINALIS EXTRACT

r CITRUS MEDICA LIMONUM PEEL OIL [solo per pelli esposte al sole, altrimenti verde]

vv CITRUS ARANTIUM AMARA LEAF OIL

vv JUNIPERUS COMMUNIS FRUIT OIL

vv LAVANDULA HYBRIDA OIL

g D-LIMONENE* (allergene del profumo)

g LINALOOL* (allergene del profumo)

* Allergeni naturalmente contenuti negli olii essenziali utilizzati

non contiene prodotti di derivazione petrolchimica e/o Animale, SLS e SLES (Sodium Laureth Sulfate – Sodium Lauryl Etere Sulfate), Coloranti, Conservanti, Nanoparticelle e Profumi Sintetici, Ingredienti di derivazione OGM, Enzimi o da Biotecnologie

CERTIFICATO VEGAN OK

Lo Shampoo Tea Natura è contenuto in un packaging a flacone da 250ml, è caratterizzato da una forte profumazione di calendula, è di colore giallino ed ha una buona consistenza densa che aiuta l’applicazione. E’ indicato per tutte le tipologie di capello (sopratutto quello fine) e in tutti quei casi in cui servano lavaggi frequenti. Per quel che mi riguarda avevo acquistato questo prodotto proprio perchè avevo in programma di cominciare i workout e avrei dovuto fare lo shampoo più spesso; in realtà mi sono resa conto che a questo scopo è molto più adatto lo shampoo cedro e finocchio di Alkemilla. Lo shampoo Tea Natura, pur essendo buono, tende infatti a seccarmi troppo i capelli e a renderli crespi. Sinceramente non me la sento di bocciarlo completamente, ma rimane un prodotto “NI”. E’ un buon prodotto perchè lava il capello, ma non credo sia particolarmente indicato nel caso in cui abbiate bisogno di utilizzarlo frequentemente. Se usato come unico shampoo tende alla lunga a far diventare i capelli piuttosto indomabili, crespi e secchi.. Qualcuna di voi aveva commentato l’haul dicendomi che le aveva fatto venire i capelli simili ad una scopa di saggina 😀 Per fortuna non sono arrivata a tali risultati, ma sto comunque attenta a non utilizzarlo più di una volta a settimana o i problemi sopracitati cominciano a farsi vedere. L’applicazione è confortevole in quanto sviluppa una bella schiumetta, inoltre si risciacqua facilmente e i capelli rimangono puliti per diversi giorni. Il problema grosso purtroppo rimane l’aspetto estetico, ovvero i capelli non risultano particolarmente gradevoli alla vista, ma anzi appaiono piuttosto sfibrati e rovinati. Tirando le somme, cercherò sicuramente di finirlo ma non credo proprio lo riacquisterò.

Anche per oggi concludo qui e vi chiedo di fare un incrocino per Paco che domani dovrà sottoporsi ad un’ecocardio 🙁 

naturalmenteJo

 

RECENSIONE: MASCHERA PER CAPELLI LISCI ALL’OLIO DI ARGAN OMIA LABORATORIES

Ciao ragazze! Oggi vorrei parlarvi della mia esperienza con la maschera per capelli lisci all’olio di argan della Omia Laboratories.

dsc0321

INCI:
Immagine AQUA 
Immagine MYRISTYL ALCOHOL 
Immagine BEHENAMIDOPROPYL DIMETHYLAMINE (antistatico, emulsionante)
Immagine CETEARYL ALCOHOL 
Immagine ALOE BARBADENSIS LEAF JUICE 
Immagine GLYCERIN 
Immagine ARGANIA SPINOSA KERNEL OIL
Immagine PROPANEDIOL (solvente, impiego di OGM)
Immagine CALENDULA OFFICINALIS FLOWER EXTRACT 
Immagine PCA 
Immagine OLEYL ALCOHOL 
Immagine BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER 
Immagine PHENOXYETHANOL (conservante)
Immagine SODIUM BENZOATE 
Immagine CITRIC ACID 
Immagine TETRASODIUM GLUTAMATE DIACETATE
Immagine PARFUM

Ho acquistato questo prodotto in un negozio di casalinghi della mia città ad un prezzo di 3.90€ circa (girando sul web ho capito di averla pagata poco perché di solito il suo prezzo si aggira intorno ai 5.00€). Avevo deciso di provare questa linea di prodotti da un po’ perché ne avevo sentito parlare bene da Carlitadolce e anche alcune di voi mi avevano consigliato la linea capelli all’aloe. Avendo io i capelli lisci e sottili, quando è stato il momento di scegliere, ho optato per la maschera all’argan piuttosto che per quella all’aloe proprio perché indicata e specifica per la mia tipologia di capello. Per mettere la ciliegina sulla torta, il tutto era anche certificato ICEA. Beh, mai acquisto fu più infausto! Venendo da 2 anni di utilizzo della maschera al monoi della Helan dire che mi sono trovata male con questo prodotto è un eufemismo. Premettendo che ha un ottimo profumo, un buon inci, è di facile applicazione e che l’ho messa esclusivamente sulle lunghezze, i miei capelli dopo due sole applicazioni erano stopposi, rovinati, infeltriti, opachi e si sporcavano nel giro di un giorno. Senza contare che erano appesantiti e tenevano veramente male la piega! Ho provato a continuare ad utilizzarla, ma ammetto di aver rinunciato in breve tempo perché i capelli erano veramente orrendi e finivo con il lavarli in continuazione. Al momento l’ho data a mia madre che ha i capelli particolarmente secchi ma anche spessi, quindi sul suo capello potrebbe avere un effetto diverso. Per quel che mi riguarda non credo farò altri tentativi con questa marca che è si economica, ma mi sembra faccia prodotti poco performanti. Preferisco spendere 15.00€ per la maschera Helan ed utilizzarla due anni che spendere 3.90€ per un prodotto che, dopo due utilizzi, sono costretta ad abbandonare.. certe volte il detto “chi più spende meno spende” è veritiero e questo è certamente uno di quei casi!

naturalmenteJo

LA MIA NUOVA ROUTINE CAPELLI: AMLA E GHASSOUL

Ciao Ragazze/i! Tra un raffreddore e un mal di gola, torno per raccontarvi la mia nuova routine capelli a base di polveri lavanti. In particolare Amla e Ghassoul. Come vi avevo già mostrato nell’ultimo post haul, ho acquistato qualche settimana su Bioalchemilla una confezione di Amla della Khadi insieme allo Shampoo e al Balsamo al Cedro e Finocchio di Alkemilla Ecobio Cosmetics.

_DSC0352
Amla Khadi Fotografia di proprietà di Naturalmentejo.it

Continue reading “LA MIA NUOVA ROUTINE CAPELLI: AMLA E GHASSOUL”

BLOG-TAG: COME CURO I MIEI CAPELLI?

Ciao ragazze! oggi vi ripropongo un tag molto carino, trovato sul blog di Un’estetista tra i mulini, riguardante i capelli! Ovviamente siete tutte taggate quindi nel caso vogliate rispondermi potete lasciare i link di risposta nei commenti! Iniziamo:

  1. Di che colore sono i tuoi capelli? I miei capelli sono biondo cenere, così mi ha detto il parrucchiere anni fa.
  2. Come sono i tuoi capelli? Medio lunghi, lisci e fini.
  3. Quante volte a settimana lavi i capelli? Quando non ho problemi di dermatite 3 volte a settimana, nei periodi no anche 4.. so che non dovrei lavarli così spesso ma a volte non posso farne a meno.
  4. Fai un impacco pre-shampoo? Molto raramente perchè non ho mai tempo, ma un tempo ne facevo (sigh! 🙁 )
  5. Con cosa lavi i tuoi capelli?Qualche raccomandazione? Al momento alterno più prodotti: Ceramol (per la dermatite), shampoo Flora, olio detergente alla calendula Fitocose e, alternati, gli shampoo ultradolce all’hennè e aceto di more o al miele e camomilla. Non ho grosse raccomandazioni se non quella di leggere sempre l’inci di ciò che utilizzate perchè purtroppo ci vuole molto poco per ritrovarsi con una dermatite e il cuoio capelluto irritato o grasso.. e rimediare costa tempo e fatica!
  6. Usi il balsamo? Qualche raccomandazione? Uso il balsamo raramente perchè lo trovo troppo leggero, solitamente uso una maschera a risciacquo sulle lunghezze.
  7. Pettini i capelli in doccia, da bagnati? Non ho mai avuto l’abitudine di pettinare i capelli sotto la doccia, ma sono comunque costretta a pettinarli da bagnati una volta tamponati con l’asciugamano per via dei nodi.
  8. Usi una maschera a risciacquo? Qual’è la tua preferita? Si la uso ad ogni shampoo sulle lunghezze. Attualmente sto provando la maschera all’argan della Omia Laboratories, ma al momento quella che mi ha dato i risultati migliori è stata la maschera al monoi della Helan.
  9. Usi il phon o li lasci asciugare all’aria? Uso il phon perchè i miei capelli sono molto lisci e piatti, di conseguenza l’unico modo per dargli un pò di volume è asciugarli a testa in giù.
  10. Quali prodotti usi per lo styling? Per lo styling utilizzo qualche goccia di olio di Jojoba sulle lunghezze inumidite. Quest’operazione mi aiuta moltissimo a contenere l’effetto crespo e a nutrire il capello.
  11. Quali marchingegni sofisticatissimi usi per lo styling? Non uso nulla per lo styling. Ho comunque in casa una piastra per capelli della Imetec che uso solamente nelle occasioni speciali come compleanno, matrimoni, battesimi o simili.. In pratica una volta l’anno.. e a volte non la uso neppure per le occasioni speciali perchè magari opto per un raccolto.
  12. Qual è la cosa che più detesti dei tuoi capelli? Odio il fatto che siano sottili e che di conseguenza siano poco voluminosi e inclini allo spezzarsi o formare doppie punte. Non mi piace il mio colore naturale, ragione per cui in passato mi sono bruciata i capelli a suon di tinte. Da quando sono passata all’ecobio ho fatto la tinta chimica ancora un paio di volte ma ormai credo di aver fatto pace con il mio biondo cenere smorto..
  13. Qual è la cosa che più ti piace dei tuoi capelli? Non saprei..domanda di riserva? Forse la facilità con cui riesco ad asciugarli/metterli in piega.
  14. Di norma li tieni sciolti o in elaboratissime acconciature? Alterno i capelli sciolti con code o trecce laterali.
  15. Possiedi molti accessori per capelli? (cerchietti, elastici, mollettone…) A dire il vero non ho moltissimi accessori per capelli.. ma ho una scorta infinita di elastici e forcine.
  16. Pettini i capelli ogni giorno? Si, pettino i capelli la mattina e la sera prima di andare a dormire.
  17. Assecondi la loro texture naturale o sei in eterna lotta? L’ho sempre assecondata perchè non credo che il riccio mi doni. Per lo stesso motivo non ho mai fatto in vita mia i boccoli con il ferro e la mia prima piastra per capelli l’ho avuta in regalo a 15 anni.
  18. Usi prodotti per capelli ogni giorno(lacca, spray fissante, spray illuminante, siero, spuma, oli) per mantenere la piega? No, al massimo utilizzo qualche goccia di olio di Jojoba.
  19. Tingi/hai mai tinto (o decolorato, meshato, hennato) i tuoi capelli? Si in passato ho decolorato alcune ciocche per farle bionde (orride mode degli anni ’90), ho fatto riflessanti rosso mogano e tinte color cioccolato. Negli ultimi anni ho utilizzato l’hennè rosso, neutro e nero.
  20. Soddisfatta del risultato? Le ciocche bionde le ho odiate, i riflessanti mi piacevano molto ma odiavo il fatto che in pochi lavaggi svanissero, le tinte mi hanno rovinato i capelli. L’effetto dell’hennè è molto bello ma si deve avere parecchio tempo libero per poterlo applicare come si deve, perciò non ho più avuto modo di farlo. Spero prima o poi di riprendere!
  21. Meglio…lunghi o corti? Lunghi, anche se è innegabile la comodità del taglio corto!
  22. Lisci o ricci? Liscissimi 😉
  23. Biondo, Nero, Castano, Rosso o Multicolore? Io non amo le mezze misure (come il mio colore) e ho sempre desiderato un castano scuro, ma sugli altri amo anche il biondo, le rosse naturali (non tinte) e il capello nero.
  24. Ci fai vedere una foto dei tuoi capelli? Qui i miei capelli alla prima hennata:

HENNE'

Qui era alla 3 o 4 hennata (e più corti):

HENNE: MISCELA CASTANA HOME MADE

Qui potete vedere i capelli come erano (rovinati) ad agosto prima e dopo la spuntata con il crea clip. Non amo il rosso ma credo che cederò nuovamente all’hennè per avere dei capelli più sani appena mi sarà possibile.

Bene, il mio tag termina qui! aspetto le vostre risposte 😉

naturalmenteJo

HAUL: NUOVA LINEA CAPELLI WELEDA

Buongiorno a tutte! Quest’oggi.. HAUL!

Sono molto contenta di aver ricevuto l’opportunità, insieme ad altre blogger, di potervi presentare e in seguito recensire i nuovi prodotti per capelli Weleda lanciati da pochissimo sul mercato! Prima di farvi vedere cosa mi è stato inviato credo sia d’obbligo spendere due parole sulla linea di modo da non ridurre il post solo ad una carrellata di fotografie..

Questa linea, totalmente ecobio, vegan e certificata NATRUE, sfrutta le proprietà dei cereali per prendersi cura dei nostri capelli:

  • MIGLIO – cereale antico il cui chicco è ricco di amido, vitamine del gruppo A e B e sostanze minerali come ferro, magnesio, fosforo e silicio. Per il suo alto contenuto di acido salicilico può essere considerato un vero prodotto di bellezza in quanto ha un’azione stimolante su pelle e capelli.

miglio-31

Continue reading “HAUL: NUOVA LINEA CAPELLI WELEDA”

RECENSIONE: MASCHERA DOPOSOLE RIGENERANTE NUTRIENTE HELAN

Ciao ragazze! Oggi vi propongo la recensione della Maschera doposole rigenerante, nutriente della Helan! 

L’inci:
 AQUA 
 CETEARYL ALCOHOL 
 CETRIMONIUM CHLORIDE
 BEHENTRIMONIUM CHLORIDE 
 distearoylethyl hydroxyethylmonium methosulfate 
 WASABIA JAPONICA EXTRACT
 PARFUM 
 BERTHOLLETIA EXCELSA SEED OIL 
 COCOS NUCIFERA OIL  
 GARDENIA TAHITENSIS FLOWER 
 THEOBROMA GRANDIFLORUM SEED BUTTER   
 ethylhexyl cocoate
 TOCOPHERYL ACETATE 
 PANTHENOL 

 XANTHAN GUM
 DISODIUM EDTA 
 LECITHIN  
 POLYQUATERNIUM-10 
 MELANIN  
 TOCOPHEROL 
 SUPEROXIDE DISMUTASE  
 ASCORBYL PALMITATE 
 CITRIC ACID


Ho acquistato la maschera doposole Helan dal Naturasì vicino casa mia ad un prezzo di 15,50€ per 200ml di prodotto. La maschera si presenta sotto forma di una crema molto densa, lievemente grumosa, bianca con un profumo molto intenso di monoi di tiarè. Avevo adocchiato questo prodotto già da l’anno scorso, ma essendo reperibile solo nel periodo estivo e avendo un prezzo tutt’altro che contenuto, avevo ripiegato su altro. Spinta soprattutto da una vecchia recensione vista su you tube, l’ho acquistata per risanare i miei poveri capelli sfibrati. Premettendo che mi sono fidata pensando che la Helan facesse prodotti ad inci verde, quando sono andata a controllare ci sono un pò rimasta male. Olii a parte, l’unico districante di derivazione naturale è il distearoylethyl hydroxyethylmonium methosulfate, conosciuto anche come derivato dell’esterquat. Senza contare che contiene disodium edta,cetrimonium chloride, behentrimonium chloride e polyquaternium 10! Diciamo che da un prodotto che cerca di essere chiaro con il cliente mettendo all’interno della scatola in cartone persino la “traduzione” dell’inci, mi sarei aspettata ingredienti più verdi. Nonostante questo, non posso mentire e devo ammettere che il prodotto è veramente ottimo! Applicato sulle lunghezze, lascia i capelli lisci, lucidi, disciplinati, morbidi, rinvigoriti e totalmente privi di nodi. La maschera è veramente corposa perciò ne basta meno di una noce. Per esperienza di utilizzo consiglio di applicarla una volta a settimana o tende ad appesantire il capello. In conclusione trovo che il prodotto sia veramente buono anche se piuttosto caro nel prezzo e non ecobio, quindi sta a voi decidere se lanciarvi nell’acquisto. Personalmente credo finirò la confezione ma non la ricomprerò; nel frattempo cercherò di trovare qualcosa di meno impattante sull’ambiente.

Quasi dimenticavo: ho fregato la reflex al fidanzato.. direi che la differenza di qualità nelle fotografie si vede eccome 😉 Alla prossima ragazze!

HENNE’: APPLICAZIONE DI CAFFE’ CAFFE’ DI LUSH

Ciao ragazze! Ieri, presa da un attacco di noia ho deciso di non aspettare che il mio ragazzo tornasse dal lavoro e mi sono fatta da sola l’hennè (PAZZAAAA!!!)! Come ormai avrete capito sono sempre alla ricerca di un hennè che mi dia una tonalità castana calda.. ma che sia castana.. questa volta direi che ce l’abbiamo fatta!!

* APPLAUSI *

Ho applicato la miscela pronta di Lush nella versione Caffè Caffè, la quale si presenta sotto forma di panetto solido da 325 g. per un costo di 11.85€. La particolarità di questi panetti è che al loro interno c’è già tutto e voi dovete semplicemente aggiungere l’acqua. In Caffè Caffè per esempio è presente anche il burro di cacao. Questo è l’inci

vv Theobroma cacao

vv Indigofera tinctoria

vv Lawsonia inermis

vv Coffea arabica

vv Urtica dioica

vv Chondrus crispus

vv Eugenia caryophyllus oil

g *Citral

g *Eugenol

g *Geraniol

g *Citronellol

g *Limonene

g *Linalool

Profumo (Parfum)

*Presente naturalmente negli oli essenziali.

Il panetto appena comprato si presenta così:


Preparazione:
Per la preparazione ho seguito passo passo il video di Lolla.

Ho utilizzato 3 cubetti su 6 e devo dire che la dose che ne è uscita era giusta, io non ho i capelli molto lunghi e non fanno molta massa perchè li ho sottilissimi, ma quando vado ad applicare l’hennè me ne partono sempre dei quintali perchè comunque ne ho tanti. Se non sapete come regolarvi piuttosto fatene di più e surgelate la crema di hennè avanzata. Avevo fatto le foto di tutto il procedimento ma ho appena scoperto che il mio fantastico cellulare le ha cancellate in blocco (che felicità).. Comunque sia.. ho provato ad applicare da sola l’hennè secondo il metodo mostrato in questo videoin questo modo mi sono fatta tutta l’applicazione sulla parte superiore della testa.. ma detto proprio spassionatamente, almeno con questo tipo di hennè, lasciate perdere perchè contenendo il burro di cacao i capelli non rimangono in posizione come quelli della ragazza, ma ve li ritrovate ovunque sporcandovi non poco! Fortunatamente, proprio quando stava per assalirmi una crisi isterica, è arrivato in mio soccorso la mia dolce metà e ha completato lui il lavoro! Sant’uomo!! Ho tenuto il tutto in testa 1h. 45 (più avanti vi spiegherò come mai..) e questo è il risultato (scusate la faccia stravolta ma non sto troppo bene in questi giorni):

Tirando le somme: il colore mi piace tantissimo e i capelli sono venuti lucidissimi grazie anche alla presenza del burro di cacao. Questi sono certamente i pregi principali di caffè caffè, per il resto è tutt’altro che comodo! Innanzitutto essendo solido dovete ammorbidirlo nel forno, cosa che non mi piace per nulla. Le erbe tintoree sono comunque tossiche se ingerite e scaldarle nel forno non lo trovo per nulla salutare, per questo motivo grattugerò l’hennè restante. Una volta ammorbidito il panetto, il vostro forno puzzerà in maniera incredibile di un misto di erbe, menta e thè verde che, li per li può essere anche piacevole, ma alla lunga nausea non poco. I cubetti ammorbititi sono parecchio ostili da sbriciolare perchè si attaccano al cucchiaio di legno data la loro consistenza gommosa; inoltre per quanto li si possa sbriciolare non verranno mai ridotti in polvere perciò, una volta aggiunta l’acqua, avrete una marea di grumi collosi nell’impasto. Per rendere la crema di hennè spalmabile ho mescolato una buona mezz’ora e ho dovuto aggiungere un vasetto di yogurt magro per rendere il tutto più voluminoso. Come vi dicevo qualche riga fa, ho tenuto l’impasto sui capelli meno di due ore in quanto, mano a mano che l’impasto si ossida, prende una sfumatura verde prato (o verde hulk come mi ha suggerito qualcuno XD ) veramente inquietante! non vi nascondo che mentre lavavo i capelli  ero quasi certa di ritrovarmeli verdi a causa della mia base chiara, per fortuna così non è stato e il risultato è stato ottimo!!!

Alla prossima hennata mie care followers!