Si ricomincia da qui..

Ciao ragazze,

causa continui problemi ho deciso di trasferire il blog su WordPress! Spero vogliate seguirmi anche qui! Vi prego solo di avere un pò di pazienza, pian piano cercherò importare tutte le vecchie recensioni.

Un bacio a tutte

Immagine

FIRMOO!

Ciao ragazze! 
Oggi vi scrivo per parlarvi del e-commerce Firmoo.com
Il sito in questione vende occhiali da vista e da sole dando la possibilità di ricevere direttamente a casa propria le lenti graduate secondo la prescrizione del vostro oculista o, come ho fatto io, ricevere una montatura dotata di lenti senza gradazione. (Girando su internet ho scoperto che questo negozio è particolarmente famoso tra le blogger inglesi e americane).
Per farmi provare il loro servizio, Firmoo si è offerto di spedirmi gratuitamente una montatura a mia scelta e io ho optato per questa (modello SD2242):

Ora vi stareste chiedendo.. Perchè ce ne parli? ve ne parlo perchè Firmoo, per tutti i nuovi clienti regala il primo paio di occhiali facendo pagare solo le spese di spedizione. Ora il paio da me scelto non è particolarmente caro, ma volendo ci sono modelli anche ben più costosi e particolari, perciò mi sembra veramente un’offerta da cogliere al volo, sopratutto se avete bisogno di rinnovare il look o avete bisogno di un nuovo paio di occhiali! Unico neo di tutto il servizio è che c’è il rischio di dogana. Personalmente non ho avuto problemi ma credo che ci sia la possibilità che vi fermino il pacchetto.
Il sito è inoltre dotato di una simpatica opzione che permette di inserire una propria fotografia frontale di modo da poter “provare” virtualmente la montatura che preferite!
Qui di seguito vi lascio un pò di scatti degli occhiali che, nonostante il prezzo basso, sono solidissimi!

Come potete vedere gli occhiali sono arrivati corredati di:
– astuccio rigido
– panno per le lenti (personalmente trovo sia un pò ruvidino, ma è un particolare a cui si fa presto a porre rimedio)
– bustina morbida 
– cacciavite con anello portachiavi
– 2 viti di ricambio

Non ho ricevuto tutta questa roba neppure quando, quattro anni fa, ho comprato i miei occhiali di marca da una nota catena di negozi.
Il pacchetto viene recapitato a casa tramite corriere e dalla spedizione ha impiegato circa 5 giorni ad arrivare a destinazione.
Infine vi allieto la giornata facendomi vedere con gli occhiali, tanto per farvi capire le dimensioni del modello:

Un bacio ragazze!

PRODOTTI TOP DEL 2012

Ciao ragazze! Finalmente torno ad essere attiva sul blog! 
Per rispettare la tradizione, come ogni anno, ecco il post sui prodotti top del 2012!
 
 
Amo questo prodotto e lo uso in tutti i modi. Ultimamente è entrato a far parte della mia skincare routine al post del siero jalus di Fitocose, terminatomi alla fine di novembre. 
 
– A pari merito si aggiudicano il secondo posto i miei 2 shampoo preferiti che continuo ad utilizzare alternati. Si tratta dello SHAMPOO FLORA e del GARNIER HENNE’ E ACETO DI MORA.
prod-P42029-bigshampoo-forfora-grassa-bellessere-flora
 
 
– SMOKING DI NEVE COSMETICS
Ultimamente sono fissata con gli ombretti matt e smoking è assolutamente il mio preferito! Lo sfrutto sia di giorno, steso uniformemente sulla palpebra mobile, che la sera, spesso sfumato con ombretti satinati per dare un tocco di luce.
 
 
 
 
l’ho appena ricomprato, è l’unico in grado di darmi un tono castano senza riflessi rossi inoltre, una volta risciacquato lascia i capelli molto morbidi e puliti.
 
 
_DSC0032
Anche non è certo il periodo adatto per parlare di protezioni solari, questa è stata in assoluto la mia preferita del 2012! Nessuna scottatura e abbronzatura uniforme! Se vi siete perse la recensione cliccate sul link.
Questi sono principalmente i prodotti che il 2012 mi ha lasciato nel cuore, per concludere vi lascio in compagnia della canzone che quest’anno ho ascoltato più volte..
 


Il video è una cover di 2 youtuber americane e ogni volta che la ascolto mi fa ripensare alla settimana che ho trascorso a Londra. Un bacio a tutte ragazze, sperando che questo 2013 sia ricco di sorprese <3
 
 

JO WAS HERE…

Ciao ragazze, vi scrivo un breve post perchè, nonostante gli impegni, sappiate che mi mancate e mi manca scrivere sul blog.. per chi se lo stesse chiedendo (e non mi seguisse su facebook) sono sparita per via degli esami. Per esempio domani tenterò uno scritto di chimica, in pratica un suicidio assistito vista la mia poca propensione per qualsiasi cosa possa vagamente assomigliare alla matematica, senza contare che ultimamente mi sto arrovellando il cervello sul continuare o meno l’università proprio per via di alcuni esami che non riesco a passare. In conclusione è un periodo nero nel quale l’unica cosa che vorrei fare è disegnare e non pensare a niente. Passerà o almeno spero! Non sono neppure riuscita a farvi gli auguri di Natale perchè ho avuto la casa invasa di gente per parecchi giorni, ma spero di farmi perdonare con i futuri post.
Un bacio a tutte ragazze,
a presto!

PRODOTTI TERMINATI

Ciao ragazze! oggi ne approfitto per mostrarvi i prodotti terminati. Dall’ultimo post sono stata diligente e ho terminato parecchie cose:

Idrolato di rosa damascena [Aroma zone]: avevo preso questo idrolato sotto consiglio di Dalila la quale mi aveva assicurato che non profumasse di rosa. Effettivamente l’odore è quello del miele ma, di fondo, trattandosi sempre di rosa, questo prodotto ha avuto quel non-so-che che non mi ha mai soddisfatta del tutto.  E’ sicuramente un ottimo prodotto ma non credo lo ricomprerò. 

Idrolato di camomilla romana [Aroma zone]: ho comprato quest’idrolato insieme al precedente e, nonostante si tratti di camomilla, neppure lui mi ha fatto gridare al miracolo utilizzandolo sul viso opportunamente diluito. La cosa che mi ha delusa di più è stata la fragranza: sinceramente mi aspettavo il classico odore di fiori di camomilla che io adoro, invece, anche qui la nota prevalente era quella del miele. Per quel che mi riguarda non credo l’acquisterò nuovamente perchè l’ho trovato un prodotto senza infamia e senza lode.

shampoo garnier hennè e aceto di mora: ne ho finito l’ennesima confezione e ormai credo lo conosciate sino alla nausea. 


Detergente intimo alla calendula Ecor: l’ho terminato e ne ho già ricomprata una nuova confezione. Ho provato anche la versione al tea tree ma trovo sia un pò aggressiva, perciò rimango fedele a questa. 


Soothing mask Vegecol Aubrey organics: a breve posterò la recensione.


Campioncini Weleda: pensavo di scrivere qualcosa su questi campioncini, utilizzandoli però mi sono resa conto che la quantità era veramente minima per farmi un’idea del prodotto. Sono comunque rimasta favorevolmente colpita dall’olio all’olivello spinoso dall’olio alla betulla anticellulite.
Le foto che seguono sono quelle dell’haul perchè non mi sembrava il caso di fare nuovamente le fotografie alle singole bustine.


Crema corpo alla zucca AA ECO: 

Shampoo Flora: ho terminato la mia seconda confezione e come al solito rimane uno dei miei shampoo preferiti.. ovviamente l’ho già ricomprato! [Anche qui riciclo la fotografia per questioni di tempo]

Bene, direi che l’elenco dei prodotti terminati finisce qui! al prossimo post ragazze!



DO IT YOURSELF: CANDELE DI CERA DI SOIA IN TAZZA CON OLIO ESSENZIALE DI ARANCIO DOLCE

Ciao ragazze!
Come promesso ecco il procedimento con cui ho realizzato i regali per le mie compagne di università.
Innanzitutto: che cosa ho realizzato?
Quest’anno ho deciso di provare a fare delle candele profumate, ovviamente naturali! Sono un’assoluta neofita e, come tale, ammetto di aver avuto qualche difficoltà nel realizzarle, ma posso assolutamente ritenermi soddisfatta del risultato.
 
Per fare le candele avrete bisogno di:
– cera [io ho utilizzato la cera di soia che trovo sia la più economica, ma nessuno vi vieta di utilizzare cera d’api o altri tipi di cere]
– stearina [facoltativa- serve ad aumentare la durezza della vostra candela, io ne ho fatto a meno, ma effettivamente con la cera di soia sarebbe stato bene aggiungerla in quanto si tratta di una cera molto morbida]
– contenitori in vetro o stampi in silicone [io ho scelto di utilizzare delle simpatiche tazze in vetro trasparente decorato]
– stoppini di cotone e annesse rondelle di metallo
– olii essenziali per profumare la vostra candela [facoltativi- io ho utilizzato l’arancio dolce, ma potete anche farne a meno e fare una candela priva di profumazione]  
– miche e/o ossidi / coloranti alimentari in polvere [facoltativi- io ho lasciato la cera bianca, ma nessuno vi vieta di colorarla]
– acqua
 
 
 
 
Attrezzatura:
– vecchi cucchiai
– un contenitore in vetro
– una pentola
– stracci vecchi
– un piano di lavoro
– fornelli
– stecchi da spiedino
– pinze a becco piatto
– forbici

…………………… TANTA PAZIENZA ……………………
 
Prima di procedere con le foto premetto che questo è il metodo con cui ho fatto le candele, non sono certa che sia il metodo giusto o migliore, quindi prendete questo articolo come spunto per approfondire l’argomento.
 
Procedimento:
Ricoprite il piano di lavoro con giornali o vecchi asciugamani o passerete la serata a ripulire come è successo a me. Fatto questo, versate dell’acqua in una pentola e posizionatela su uno dei fornelli medi del vostro piano cottura. Quando l’acqua comincerà a riscaldasi, tagliate la cera, posizionatela all’interno di un brick in vetro e fate sciogliere il tutto a bagnomaria.

Quando la cera si sarà completamente sciolta, immergetevi lo stoppino. Lasciate solidificare avendo cura di stendere il filo in tutta la sua lunghezza sul piano di lavoro. Per velocizzare questo procedimento potete riporlo per qualche minuto nel freezer.
Una volta solidificatosi, inserite il filo di cotone all’interno della rondella e con le pinze stringete il beccuccio della rondella intorno allo stoppino in modo da bloccarlo.
Terminata la preparazione dello stoppino immergete nuovamente nella cera calda la parte terminale, avendo lasciato preventivamente cadere qualche goccia di cera anche sul fondo del contenitore/stampo. Applicate una leggera pressione in modo da ancorare lo stoppino al fondo del contenitore e lasciate solidificare. Per velocizzare quest’operazione, riempite una bacinella di acqua e ghiaccio e immergetevi il contenitore.
Bloccato lo stoppino, prendete uno stecco da spiedino e fate fare al filo qualche giro intorno ad esso di modo da renderlo teso e centrale rispetto al contenitore. Io non avevo gli stecchi da spiedino e mi sono arrangiata con un cucchiaino facendo il medesimo procedimento.
Aggiungete alla cera liquefatta l’olio essenziale. Per quel che riguarda le quantità andate a naso, per tentativi, sino a che non vi sembrerà di aver raggiunto un grado di profumazione adeguato, fate comunque attenzione a non esagerare ed eseguite il tutto a finestre aperte per far si che l’aria non si saturi dei vapori della cera e dell’olio essenziale.  Aggiungete l’eventuale colorante e mescolate. A questo punto mettete la cera all’interno del contenitore.

Lasciate solidificare.  Anche qui potete aiutarvi con la bacinella di acqua e ghiaccio e successivamente con qualche minuto di freezer (non troppo o la cera, una volta riportata a temperatura ambiente tenderà a creparsi).
Solidificatasi la cera, rimuovete lo stecco da spiedino e regolate la lunghezza dello stoppino con una forbice. La vostra candela è pronta! 

La candela è terminata!
Per concludere.. visto che siamo in tempi di crisi, calcoliamo quanto abbiamo speso per fare le nostre candele:
 
Ho ordinato tutto il materiale utilizzato da Aroma zone, dividendo le spese di spedizione con un’amica. Qui di seguito trovate il costo di una candela:
– 0,32€ a candela di spese di spedizione (3,90€ tot.)
– 0,74 € costo della cera di soia a candela (8,90€ tot)
– 0,15€ costo di stoppino e rondella a candela (0,90€ tot)
– 2,00€ costo della tazza in vetro trasparente decorato (ikea)
________________________________________________________________________
  5,21€ a candela 
 
Mediamente una candela profumata, totalmente naturale, ha un prezzo che si aggira attorno ai 12.00-14.00€.
Per oggi è tutto ragazze, spero di esservi state utile! Un bacio e alla prossima!
 

L’ANGOLO DEL CAMPIONCINO: BALSAMO CORPO ALLA ZUCCA AA ECO

Ciao ragazze! Come state? Oggi per la vostra felicità inauguro la rubrica dell’Angolo del Campioncino. Essendomi resa conto che le aziende inviano a scopo di recensione taglie di prodotti sempre più ridotte ho pensato di raccogliere le mie impressioni sui vari sample all’interno di questa nuova rubrica. Apre le danze il Balsamo Corpo alla Zucca AA ECO, acquistabile sull’e-commerce Homeo fitlab ad un prezzo di 9.50€ per 150ml.

Continue reading “L’ANGOLO DEL CAMPIONCINO: BALSAMO CORPO ALLA ZUCCA AA ECO”

COSE DI CASA #2: JO VS DIVANO…IKEA!

Ciao ragazze!
Visto il grande successo del precedente post relativo ai miei acquisti “casalinghi”, ve lo ripropongo in chiave ironica.. perchè oggi mi è stato consegnato il DIVANO IKEA!
Ebbene si! Dato il periodo e le disponibilità economiche un pò ridotte, gira che ti rigira, alla fine Ikea è sempre la più conveniente! Nonostante io vi abbia preso pochissime cose, se non giusto un carrello per la cucina e le stoviglie.. non potevo ignorare il divano Ektorp che infestava i miei incubi sogni, da quando ho saputo di dover arredare casa! 
Così finalmente sono andata ad ordinarlo e oggi mi è stato consegnato! Quando ho parlato con la signorina del reparto divani, ho richiesto la consegna a casa e lei mi ha posto la fatidica domanda: “Desidera anche il montaggio? il divano è da assemblare..” 
“Nessun montaggio, grazie!” rispondo io.. Mia madre si gira perplessa verso di me e mi domanda: “Assemblare?” e io la zittisco con: “Si, assemblare!” 
In fondo, penso, cosa ci sarà da assemblare in un divano?? Solitamente il corpo del divano è unico e a parte vengono dati i cuscini… OVVIAMENTE NO! Il signor Ikea è un fan dello stivaggio intelligente perciò, invece di consegnarmi qualcosa che assomigliasse vagamente ad un divano, mi è stato recapitato un siluro rivestito di cartone:


perplessa comincio e disfare l’involucro, (che nel frattempo sembrava rigenerarsi davanti ai miei occhi avendo la meglio) e mi rendo conto che la situazione è più tragica di quel che potessi immaginare.. O.o

Voi non potete vederlo, ma in fondo a destra c’erano alle le celeberrime istruzioni!
Vorrei aggiungere a questo idilliaco quadretto anche l’invisibile presenza dell’influenza e della febbre..
Lo giuro, in condizioni normali non mi sarei data per vinta.. ma in quel momento ho premuto il tasto di chiamata del cellulare e ho contattato la mia dolce metà dicendogli che stavo affogando sotto i pezzi del nostro futuro divano, il quale, di divano, sembrava avere solo il nome!
Comunque sia, fatica, ferro da stiro (si perchè vi dovete anche stirare il rivestimento) e parecchio tempo dopo, siamo riusciti ad avere la meglio sul famigerato Ektorp.


Sappiate che io comunque ho deciso….. la prossima volta usufruirò del montaggio! -.-