J – L

J


K

KIGELIA AFRICANA

La Kigelia africana, nota comunemente con il nome Albero delle Salsicce, è una specie appartenente alla famiglia delle Bignoniaceae. Tipica dell’Africa tropicale, dall’Eritrea e dal Ciad, il suo frutto è per lo più impiegato a scopo ornamentale, ma può risultare edibile seppur esclusivamente previa essiccazione, fermentazione o cottura. In caso contrario causa severi effetti purganti e può persino risultare velenoso. Dal frutto della Kigelia africana viene inoltre ricavato l’estratto, impiegato principalmente in abito cosmetico in quanto ricco di bioflavonoidi.L’estratto di Kigelia africana è in grado di migliorare il microcircolo sanguigno, rassodare,regalare maggiore elasticità alla pelle e contrastare l’insorgenza delle rughe.


L

LAVANDA

LAVANDULA OFFICINALIS (LAVANDULA ANGUSTIFOLIA)

La Lavandula officinalis (o Lavandula angustifolia) è una pianta suffruticosa sempreverde appartenente alla famiglia delle Laminaceae. Utilizzata sin dall’antichità per la detersione del corpo, la Lavandula officinalis è particolarmente apprezzata in cosmetica sia per le sue proprietà lentive, antiinfiammatorie, anti-age, rilassanti e purificanti sia per la caratteristica fragranza sprigonata dalle inflorescenze della pianta.

LAVANDULA SPICATA (LAVANDULA LATIFOLIA)

La Lavandula spicata (o Lavandula latifolia) è una varietà di Lavanda considerata meno pregiata rispetto alla Lavandula officinalis, autoctona su tutto il suolo Europeo. Dalle sue inflorescenze viene ottenuto l’olio essenziale ricco di attivi monoterpenoli, ossidi terpenici e chetoni dalle proprietà antitossiche, antinfettive, antifungine, antiparassitarie e cicatrizzanti. Utilizzata sin dall’antichità e conosciuta dai romani con il nome di “Nardo Rustico”, la Lavandula spicata è ottima per il trattamento di punture d’insetto, ustioni da medusa, pidocchi e tarme.

LAVANDULA HYBRIDA (LAVANDULA INTERMEDIA O LAVANDINO)

Dall’unione della Lavandula officinalis con la Lavandula latifolia si ottiene la Lavandula hybrida, conosciuta anche con il nome di Lavandino Lavandula intermendia. Coltivata principalmente per la produzione di olii essenziali, conserva tutte le proprietà tipiche della lavanda classica con una minore tolleranza nei confronti delle basse temperature e una fragranza più intensa.

LINUM USITATISSIMUM (OLIO DI SEMI DI LINO)

Olio vegetale ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi del Linum usitatissimum. Ricco di acido linoleico, vitamina E e lecitina, viene considerato un olio dal grande potere antiossidante. Caratterizzato da un odore piuttosto pungente, è un vero toccasana per i capelli in quanto ha una grande azione lucidante e ricostituente nei confronti del fusto danneggiato.

LIPPIA CITRIODORA (VERBENA)

La Lippia citriodora è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Verbenaceae. Conosciuta comunemente con il nome di Verbena, dalle sue foglie si ricava un olio essenziale largamente utilizzato sia in ambito alimentare che cosmetico (principalmente come fragranza). L’infusione delle sue foglie viene usata come digestivo, carminativo e antispasmodico.

LITHOSPERMUM OFFICINALE (MIGLIARINO)

Il Lithospermum Officinale, conosciuto più comunemente con il nome di Migliarino, è una pianta spontanea appartenente alla famiglia delle Borraginaceae. Utilizzata in passato per i suoi blandi effetti contraccettivi, ad oggi il Migliarino è per lo più impiegato all’interno di infusi e tisane per le sue proprietà diuretiche e il sapore rinfrescante.


LEGGI ANCHE:

Puoi seguire NaturalmenteJo anche tramite i social più popolari:

Facebook_logo-7 instagram-512 GooglePlus-logos-02 twitterbird youtube-logo-full_color

Clicca sull’icona