IL CRICETO: L’ALIMENTAZIONE

Se non hai ancora letto la prima e la seconda parte dell’articolo ecco i link:

Una volta allestita la gabbia si dovrà scegliere un buon mix di semi. In commercio ne esistono tantissimi tipi, nel caso in cui si sia indecisi su cosa acquistare il nostro suggerimento è quello di andare a leggere gli ingredienti:

  • un buon mix non deve contenere coloranti e conservanti
  • deve essere possibilmente sottovuoto (così da limitare la presenza di larve ed insetti o muffe)
  • deve contenere bassissime quantità di semi grassi (semi di girasole, di zucca, di lino ecc..) e frutta secca (troppo zuccherina e poco adatta al criceto che è un animale che tende ad essere obeso e a sviluppare patologie come il diabete)
  • non deve contenere sottoprodotti di nessun tipo, specialmente quelli da panificio
  • un buon mix deve contenere il maggior numero di varietà possibili di cereali e semi (orzo, farro, avena, miglio, soia, piselli, riso, lenticchie, mais, sesamo, quinoa, grano tenero, grano saraceno ecc..)
  • da evitare i mix contenenti fagioli. Ad oggi ci sono due scuole di pensiero riguardo i fagioli, c’è chi sostiene siano tossici chi no.. nel dubbio meglio non rischiare!
Giustino, il mio WW mentre mangia germogli di soja, pomodoro, insalata verde e liofilizzato veterinario oxbow

Oltre al mix che andrà posizionato in una ciotolina all’interno della gabbia, il criceto dovrà essere alimentato una volta al giorno con del cibo fresco: ogni giorno potrà essere somministrata la verdura, alternata con la frutta (non più di due volte a settimana) prediligendo quella meno zuccherina. Oltre alle verdure e alla frutta una volta a settimana bisognerà fornire un alimento proteico (formaggio light, yogurt, uovo sodo senza condimenti, carne o pesce bolliti senza condimenti, una o due crocchette per cani di buona qualità).

Tutti gli alimenti freschi dovranno essere dati lavati, asciutti e a temperatura ambiente, in caso contrario l’animale potrebbe avere episodi di dissenteria.
Essendo il criceto un roditore notturno è opportuno dare gli alimenti deperibili la sera e rimuoverne gli avanzi il mattino seguente prima che si deteriorino. Il mix invece va sempre lasciato a disposizione.

CIBI “SI”:

VERDURE: insalata (vanno bene tutte le varietà, attenzione però con la lattuga che è particolarmente ricca d’acqua e che se data in dosi eccessive potrebbe portare a episodi di dissenteria), pomodori (tranne le parti verdi della pianta e i semini), zucchine, asparagi, germogli di soia, patate (non devono essere germogliate e non vanno date le parti verdi della pianta perchè tossiche, va data bollita senza condimenti), carote (in quantità moderate perchè troppo ricche di carboidrati e poco digeribili), basilico, broccoli, cetriolo, zucca, finocchio, sedano, fagiolini e asparagi, piselli.

FRUTTA: mela, pera, pesca, banana, uva, arancia, mandarino, anguria, melone, fragola, lampone, mora, pompelmo, albicocca, ciliegia (senza nocciolo), mirtillo, cocco, prugna, noce, nocciola, arachide, pinoli, mango e papaia.

ALIMENTI PROTEICI: yogurt magro, uovo sodo, pollo bollito, pesce bollito, crocchette light per gatti di buona qualità o crocchette per cani di buona qualità, formaggio light possibilmente poco stagionato.

VIZI SALTUARI: uva passa, cereali per la prima colazione senza zucchero, biscotto light da cani e pane duro (questi cibi non vanno somministrati più di una volta al mese).

CIBI “NO”: parti verdi della patata, parti verdi del lampone, parti verdi e semini del pomodoro, cioccolato, dolci, caramelle, patatine fritte, cipolla, porro, aglio, alloro, fagioli, bulbi e carote in grossa quantità.

Per leggere la quarta parte clicca qui

logo firma

Published by

4 thoughts on “IL CRICETO: L’ALIMENTAZIONE

Rispondi