RECENSIONE: MASCHERA PER CAPELLI AI SEMI DI LINO E BURRO DI KARITE’ ATHENA’S

Ciao ragazze/i!

Torno dopo un periodo di stop servitomi per ricaricare un po’ le batterie, nonché per occuparmi di alcune cose impellenti quali il montaggio dell’armadio della camera da letto e l’arrivo di alcuni mobili che ci sono stati regalati! Mi sono dedicata ad un po’ di shopping per la casa, ma di questo ve ne parlerò nell’apposito post “Cose di Casa”. Nell’ultimo mese e mezzo ho avuto anche modo di provare i prodotti che vi avevo mostrato nell’ultimo post Haul, perciò ho pensato di ritornare con la recensione della Maschera per Capelli ai Semi di Lino e Burro di Karitè Athena’s.

DSC_0405

DSC_0409

INCI:

Immagine AQUA

Immagine LINUM USITATISSIMUM SEED OIL

Immagine CETEARYL ALCOHOL

Immagine BEHENTRIMONIUM CHLORIDE [= composto dell’ammonio quaternario, utilizzato come condizionante cosmetico in preparati destinati alla cura del capello migliorandone la pettinabilità sia da asciutto che da bagnato, contrasta l’effetto crespo. i prodotti che lo contengono si risciacquano facilmente. Purtroppo non è biodegradabile ed è tossico per la fauna ittica.]

Immagine MYRISTYL ALCOHOL

Immagine DIPALMOYLETHYL HYDROXYETHYLMONIUM METHOSULFATE

Immagine BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER

Immagine CETRIMONIUM CHLORIDE [= composto dell’ammonio quaternario, utilizzato come condizionante cosmetico in preparati destinati alla cura del capello. Purtroppo non è biodegradabile ed è tossico per la fauna ittica.]

Immagine HYDROLYZED RICE PROTEIN

Immagine TOCOPHEROL

Immagine HYDROXYPROPYLTRIMONIUM HYDROLYZED WHEAT PROTEIN [=proteine idrolizzate del grano, hanno effetto antistatico e danno nutrimento al capello]

Immagine GUAR HYDROXYPROPYLTRIMONIUM CHLORIDE [= condizionante]

Immagine CITRIC ACID

Immagine SODIUM GLUCONATE

Immagine ETHYLHEXYLGLYCERIN

Immagine PARFUM

Immagine POLYQUATERNIUM-47 [= filmante e condizionante]

Immagine CETEARETH-20 [= emulsionante non ionico, si presenta sotto forma di cera inodore di colore bianco. Essendo un etere, è stabile all’idrolisi e presenta il vantaggio di poter essere formulato in un ampio range di pH. Può essere utilizzato in tutte le tipologie di formulazioni cosmetiche e, in virtù della stabilità del legame etereo, anche per la formulazione di creme depilatorie con pH fortemente basico. E’ tipicamente utilizzato in un range di concentrazioni comprese tra lo 0,5 e il 5% in base all’uso come emulsionante primario o secondario. Nelle normali concentrazioni di impiego il prodotto è considerato sicuro.]

Immagine PHENOXYETHANOL [= conservante]

Immagine PEG-40 HYDROGENATED CASTOR OIL [= derivato idrogenato dell’olio di ricino etossilato, è principalmente impiegato in prodotti a base acquosa come solubilizzante di sostanze liposolubili.]

Immagine BENZOIC ACID [= conservante]

Immagine DEHYDROACETIC ACID [= conservante]

Ho acquistato la maschera per capelli di Athena’s presso un supermercato Coop mentre facevo la spesa, un po’ per disperazione un po’ per curiosità.. ne venivo infatti da un periodo piuttosto lungo nel quale avevo trascurato i capelli e avevo delle lunghezze orribili. Non volendo tagliarli ho pensato di provare questa maschera ricordandomi di alcune recensioni positive lette in rete. Ho dato una veloce occhiata all’inci e vedendo i primi ingredienti verdi (escluso il condizionante), ho deciso di dargli una chance. Purtroppo avendo i capelli sottili, su di me l’esterquat o comunque i condizionanti totalmente ecobio alla lunga mi rendono i capelli stopposi e crespi. Consapevole del fatto che Cetrimonium e Behentrimonium Chloride non sono ahimè ingredienti ecologici, ho pagato 4,90€ circa e me la sono portata a casa! Sin dal secondo utilizzo ho cominciato a vedere miglioramenti notevoli sia per quel che riguarda la pettinabilità, sia per quel che riguarda la lucentezza. Con l’utilizzo continuato ho anche notato una maggiore corposità nel capello e sono riuscita a eliminare quasi del tutto l’effetto crespo. Per la pettinabilità mi ricorda moltissimo la maschera al monoi di Helan che avevo provato diversi anni fa, ma c’è sicuramente una grossa differenza per quel che riguarda il prezzo e la reperibilità! Principalmente l’ho utilizzata sulle lunghezze lasciandola in posa circa 5 minuti; a contatto con l’acqua la crema bianca si scioglie diventando un liquido lattiginoso che ne facilita l’applicazione e il massaggio delle lunghezze con il prodotto. Una volta a settimana, dopo l’applicazione passo le mani sporche di maschera anche sulle radici aiutando così a domare i fastidiosi “baby hair” senza però ungere eccessivamente o costringendomi a fare con più frequenza lo shampoo. Il prodotto infine si elimina velocemente sotto il getto dell’acqua. Per aiutare, a volte termino il risciacquo con un ultimo getto di acqua fredda per far chiudere maggiormente le cuticole del capello. Per quel che mi riguarda questo prodotto è più che promosso anche se mi è dispiaciuto non essermi subito resa conto di una lista ingredienti non proprio idilliaca.

naturalmenteJo

Published by

NaturalmenteJo

Ciao! Sono Giorgia, ma sul web potresti conoscermi come NaturalmenteJo. Tecnico ambientale con un diploma in grafica pubblicitaria, ho deciso di reinventarmi a 360° dedicandomi a due delle mie più grandi passioni: la scrittura e la cosmesi verde. Un po’ eterna Peter Pan, credo ancora che per realizzare i propri sogni basti impegnarsi e perseverare! Il mio motto? La vita è troppo breve per essere sprecata a realizzare i sogni degli altri. Per maggiori info su di me visita la pagina “about me”.

8 thoughts on “RECENSIONE: MASCHERA PER CAPELLI AI SEMI DI LINO E BURRO DI KARITE’ ATHENA’S

Rispondi