PROFUMI: COSA SONO E COME SCEGLIERLI

Scegliere il Profumo giusto è da sempre un arduo compito, lo è ancora di più se si decide di risparmiare magari acquistando a scatola chiusa. Spesso e volentieri infatti le descrizioni dei profumi a prima vista risultano di difficile comprensione, soprattutto quando viene utilizzato il gergo tecnico. Come è possibile quindi orientarsi tra i profumi in vendita online e trovare quello più adatto alle nostre esigenze? La soluzione è avere almeno una conoscenza base dei concetti chiave che ruotano attorno al mondo delle essenze, siano esse naturali o di profumeria tradizionale. Nell’articolo di oggi quindi troverete tutte le informazioni necessarie alla comprensione delle etichette e qualche curiosità per indirizzare al meglio il vostro shopping in rete. Buona lettura!Young beautiful woman with expressive makeup sniffing flower

Di che “Profumo” sei?

Quando ci si reca ad acquistare un Profumo solitamente il marchio conta meno di quel che si pensi, a farla da padrone infatti sarà sempre e comunque il nostro naso. Se però non possiamo affidarci a lui, le uniche risorse restanti diventano inevitabilmente l’etichetta e le descrizioni ufficiali rilasciate dall’Azienda produttrice. La prima cosa di cui dobbiamo preoccuparci pertanto sarà prestare attenzione alla tipologia di Fragranza: le diciture Parfum, Eau de Parfum, Eau de Toilette, Eau de Cologne e Eau Fraiche sono in grado di fornirci preziose informazioni sull’intensità e la durata della referenza in quanto non sono altro che la trasposizione in parole delle non particolarmente conosciute Classi di Diluizione.

Le classi di diluizione

Donna che stappa boccetta di profumo

Partendo dal presupposto che la Fragranza sia una miscela a base di Alcohol e composti aromatici, le Classi di Diluizione ci indicano la presenza in percentuale di quest’ultimi. Più i composti aromatici saranno presenti in alte percentuali più il prodotto risulterà concentrato aumentandone conseguentemente il pregio e il costo finale.

La scala di diluizione può essere velocemente riassunta con questo semplice schema:

Parfum > Eau de Parfum > Eau de Toilette > Eau de Cologne > Eau Fraiche

ma vediamo le voci singolarmente più nel dettaglio.

Parfum

Il Profumo o Essenza è il cosmetico più intenso perché maggiormente ricco di composti aromatici (tra il 15% e il 40%). La sua durata sulla pelle é di oltre 8 ore e può risultare persino fastidioso ai nasi più sensibili.

eau de parfum

L’Eau de Parfum si distingue dall’Essenza per la possibile presenza di una piccola quota acquosa (o di altri ingredienti) e da composti aromatici in percentuale variabile tra il 15% e il 20%. L’Eau de Parfum è meno persistente del Parfum e più durevole ed intensa dell’Eau de Toilette, la sua struttura olfattiva si sviluppa maggiormente nelle note di cuore e fondo arrivando a permanere sulla pelle per 8 ore circa.

eau de toilette

L’Eau de Toilette si compone anch’essa di alcohol, una possibile percentuale di acqua e da una quantità di composti aromatici che varia dal 5% al 10%. L’Eau de Toilette è una versione più leggera dell’Eau de Parfum ed ha una durata massima sulla pelle di 4 ore circa. La sua struttura olfattiva si sviluppa maggiormente nelle note di testa.

eau de cologne

L’Acqua di Colonia è anch’essa un mix di alcohol, acqua e composti aromatici la cui concentrazione oscilla tra il 3% e il 5%. Una piccola curiosità: l’invenzione dell’Acqua di Colonia è un vanto tutto italiano attribuibile al Mastro Profumiere Giovanni Maria Farina il quale rimaneggiò la ricetta dell’Aqua Mirabilis.

Eau Fraiche

Per concludere c’è l’Eau Fraiche, dal francese “acqua fresca”, la cui componente aromatica si attesta attorno al 3%. Questa tipologia di formulazione è adatta soprattutto alle referenze estive in quanto rinfresca senza appesantire la pelle.

Le Famiglie olfattive

Una volta individuata la Tipologia di prodotto di nostro interesse si può passare ad esaminare la struttura della fragranza scoprendo a quale Famiglia Olfattiva appartenga. Le Famiglie Olfattive sono in totale sette e categorizzano la nota predominante del prodotto (= note di fondo). Alla Famiglia vengono poi affiancate le Sfaccettature, più numerose, per indicare le classi di appartenenza delle note più volatili (= note di testa e note centrali/cuore).

Qui di seguito vi lascio l’elenco completo delle Famiglie Olfattive corredate da una breve descrizione.

Esperidata

Famiglia Olfattiva dalle note fresche e mediterranee in cui rientrano le note agrumate del Limone, dell’Arancio, del Bergamotto, del Mandarino, del Pompelmo, del Lime, dello Yuzu e del Kumquat.

Aromatica

Fanno parte della Famiglia Olfattiva Aromatica le note erbose caratteristiche della macchia mediterranea. Uno degli esempi più calzanti è certamente la Lavanda.

Fiorita

La Famiglia Olfattiva Fiorita racchiude al suo interno la maggior parte delle fragranze femminili come la Violetta e il Gelsomino.

Fougère

Dal Francese letteralmente traducibile con il termine “Felce”, in realtà la Famiglia Olfattiva Fougère non ha nulla a che vedere con le felci ma si tratta bensì di una fragranza strutturata inventata nel 1882 a base di lavanda, geranio, vetiver, muschio di quercia e cumarina/ fava tonka. La Famiglia Olfattiva Fougére racchiude inoltre al suo interno tutte le fragranze maschili.

Chypre

Famiglia Olfattiva unisex inventata da François Coty, il quale cercò di creare una fragranza che rievocasse le atmosfere dell’isola di Cipro. La famiglia Chypre si basa su un accordo di bergamotto, rosa, gelsomino, muschio di quercia, patchouli e labdano.

Legnosa

Famiglia Olfattiva unisex caratterizzata dalla presenza di legni più o meno invecchiati quali cedro, sandalo e vetiver.

Orientale

La Famiglia Olfattiva Orientale racchiude al suo interno fragranze avvolgenti e speziate con sentori di vaniglia, cannella e patchuli.

La Piramide dei Profumi

Concludiamo il nostro viaggio nel mondo dell’alta Profumeria facendo chiarezza su cosa sia la Piramide dei Profumi e cosa si intenda per Note di Testa, Cuore e Fondo.

piramide olfattiva

Quando il Naso (ovvero il mastro profumiere) crea un’essenza lo fa sempre tenendo a mente la volatilità dei componenti aromatici e il loro manifestarsi. Lo sviluppo temporale della fragranza viene racchiuso in linea teorica nella cosiddetta Piramide dei Profumi la quale si divide in Note Testa, Cuore e Fondo.

Note di Testa

Vaporizzando un profumo le Note di Testa sono quelle che si avvertono per prime e che costituiscono circa il 50-60% della Fragranza. Sono le più volatili, di breve durata e caratterizzate da un sentore di freschezza.

Cuore

Dopo le Note di Testa si avverte il Cuore, conosciuto anche con il nome di Note Centrali. Il Cuore costituisce circa il 5-15% della fragranza ed ha una media persistenza.

Note di Fondo

Per ultime vengono percepite le Note di Fondo attribuibili alle materie prime che evaporano con maggior lentezza e costituiscono circa il 25-30% della fragranza. Possono comparire sino a 30 minuti dopo la vaporizzazione e permangono sulla pelle anche per diversi giorni.

▪️▪️▪️▪️▪️▪️▪️▪️

Arrivati a questo punto direi che siete pronti per fare i vostri acquisti. Non avrete mai la certezza che una Fragranza sia di vostro gradimento sino a che non l’avrete provata ma certamente con queste semplici linee guida avrete meno possibilità di fare shopping avventato risparmiando così tempo e denaro.


Io vi do come sempre appuntamento alla prossima e vi ricordo che è possibile sostenere il mio lavoro on line iscrivendovi al blog, seguendomi sui social o offrendomi un caffè virtuale al mio link di Ko-fi 💛.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
FOLLOW ME ON:

Facebook_logo-7 instagram-512  twitterbird icona ko-fi: se ti piacciono i miei articoli puoi offrirmi un caffè virtuale cliccando su questa icona  youtube-logo-full_color

logo firma naturalmentejo

Published by

NaturalmenteJo

Ciao! Sono Giorgia, ma sul web potresti conoscermi come NaturalmenteJo. Tecnico ambientale con un diploma in grafica pubblicitaria, ho deciso di reinventarmi a 360° dedicandomi a due delle mie più grandi passioni: la scrittura e la cosmesi verde. Un po' eterna Peter Pan, credo ancora che per realizzare i propri sogni basti impegnarsi e perseverare! Il mio motto? La vita è troppo breve per essere sprecata a realizzare i sogni degli altri. Per maggiori info su di me visita la pagina "chi sono".

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.