A TU PER TU: PARLIAMO DELLA COPPETTA MESTRUALE!

Ciao ragazze! Inizio oggi a scrivere il primo di 2 post dedicati alla coppetta mestruale.
Quindi, iniziamo dal principio: COS’E’ LA COPPETTA MESTRUALE?
La coppetta mestruale è, appunto, una coppetta di materiale siliconico in grado di sostituire nella vita di una donna i normali assorbenti.
In commercio ne esistono di svariate marche e dimensioni; le più famose sono:
 
– la Mooncup —> credo sia stata la prima ad essere messa in commercio in Italia ed è acquistabile sia sul sito “La Bottega della luna“, sia nei supermercati Naturasi. E’ una delle più care in commercio (29€ + spese di spedizione) ed è fabbricata in Inghilterra. E’ disponibile in 2 taglie:
  • taglia A : per chi ha avuto figli con parto naturale e ha più di 30 anni
  • taglia B : per chi non ha avuto figli o li ha avuti con cesareo e ha meno di 30 anni
Va svuotata ogni 4-8 ore.
 
 
Lady cup —> coppetta di Elastosil, certificata (“Certificate of compliance USB Biological test classifcation VI”), è acquistabile in 2 taglie:
  • S(mall)
  • L(arge)
può essere svuotata a seconda dell’esigenza e può essere indossata sino ad un massimo di 12 ore. Garantita 2 anni, il prodotto ha una vita media di 15 anni. Il costo si aggira dai 24,99€ in sù a seconda del prodotto scelto + spese di spedizione. Disponibile in 12 colorazioni compresa la trasparente.
 
 
 
– Fleurcup —> prodotta in Francia, è acquistabile sul sito Fleurcup ad un prezzo di 14,99€+ spese di spedizione. Anch’essa è fatta di silicone medico anallergico ed è disponibile in 2 taglie:
  • piccola: per donne che non hanno ancora partorito o con flusso mestruale ridotto
  • grande: per donne che hanno partorito con parto naturale o con flusso mestruale abbondante
Disponibile in 6 colori compreso il trasparente. Va svuotata almeno 2 volte al giorno e può essere indossata per un massimo di 12 ore consecutive.
 
Io ho acquistato quest’ultima!
 
PERCHE’ SCEGLIERE LA COPPETTA MESTRUALE?
Innanzitutto, se siete persone che sono attente all’inquinamento ambientale, con la coppetta mestruale, oltre che a risparmiare oggettivamente soldi evitando l’acquisto degli assorbenti, evitate l’immissione nell’ambiente di materiali difficilmente smaltibili e inquinanti. E’ provato che una donna consumi circa 12.000 assorbenti esterni o interni nell’arco della propria vita, con la coppetta questo problema viene eliminato in quanto quest’ultima può durare sino a 15 anni ed è riutilizzabile nonchè sterilizzabile ad ogni ciclo.
Con la coppetta si evita la sindrome da shock tossico, non lascia residui sulla mucosa, non assorbe liquidi e non provoca irritazioni da sfregamento. Infine, evitando gli assorbenti non si entra in contatto con gli sbiancanti chimici.
 
LA COPPETTA MESTRUALE DA VICINO: COME E’ FATTA LA FLEURCUP!
Come avete letto poco più su, anche io ho recentemente acquistato la mia prima coppetta mestruale dopo essermi largamente informata.
Innanzitutto sono andata a leggere diverse recensioni d’uso, ma il video che mi ha convinta a fare l’acquisto è stato certamente quello di LadyMija che vi ripropongo:
Fatta questa doverosa premessa, passo a descrivervi nello specifico come è fatta la Fleurcup:
 
come ho già scritto la Fleurcup è acquistabile in due taglie, dato che io non ero sicura sulla misura ho approfittato di un’offerta del sito per prendere entrambe le taglie.
Questa è la piccola:
 
 
Questa è la grande:
 
 
Qui potete vedere le differenza di diametro tra le 2 coppette:
 


Ogni coppetta è dotata di 4 fori il cui scopo è creare l’effetto “sottovuoto”. Grazie ad esso, la coppetta aderisce perfettamente alla mucosa e, se ben posizionata, non si dovrebbero avere problemi di perdite.

Alla base si possono osservare dei rilievi ed il gambo: entrambi servono a facilitare l’estrazione della coppetta.

 
 
Prima di utilizzarla è bene lavarla con del sapone neutro (il vostro detergente intimo va benissimo) e successivamente sterilizzarla. Per sterilizzarla fate bollire dell’acqua in una pentola; raggiunto il punto di ebollizione immergetevi la coppetta per 3-4 minuti.
Prima dell’inserimento vanno imparate le piegature; ne esistono molte per tutte le esigenze, ma le più utilizzate sono principalmente 2:
– la piegatura a C
 
 
 
– la piegatura Push down (la maggior parte delle ragazze italiane si trova meglio con quest’ultima) 
 
 
Credo di non aver dimenticato nulla! Nel prossimo post sulla coppetta mestruale vi racconterò la mia esperienza da Neofita. Per oggi è tutto ragazze! Spero di esservi stata utile!
 

Published by

0 thoughts on “A TU PER TU: PARLIAMO DELLA COPPETTA MESTRUALE!

  1. Bella recensione! io uso la coppetta da circa 3 anni..più o meno..e mi trovo benissimo! sono davvero contenta..non ho più irritazioni, che avevo sempre con gli assorbenti! anche in viaggio la trovo molto comoda!
    io ho la mooncup! 😀

  2. ciao, anch' io l' ho scoperta all' incirca un anno fà, ma non mi sono ancora convinta a prenderla…a dire la verità – può sembrare assurdo- ma mentalmente mi sento un po' bloccata..:-/ boh, forse l' unica soluzione sarebbe comprarla e provare…perchè ad immaginare mi crea un po' di fastidio..-.-' non so,
    voi, prima di provare, avevate la stessa sensazione?

  3. ti capisco benissimo! Anche io ero molto combattuta, ma mi sono detta che sinchè non provavo non potevo rendermi conto se poteva fare veramente al caso mio! Per ora l'ho messa una sola volta per prova e devo dire che mi sono stupita per la sua comodità!

  4. sì anch'io avevo gli stessi dubbi.. soprattutto in fatto di igiene..poi studiando ostetricia sento tantissime ostetriche che la consigliano.. e quindi ora sono io che la consiglio a mia volta!! paradossalmente è molto più igienica degli assorbenti..anche se non sembra..perchè uno si tiene l'assorbente pieno di sangue, quindi umido, a contatto con la pelle..e inevitabilmente proliferano i batteri..per non parlare d'estate..

    io all'inizio l'ho tenuta diversi mesi nell'armadio..eheh
    perchè l'ho provata e l'ho trovata scomodissima.. ma poi con quello che l'avevo pagata ho deciso di riprovarci..e ora mi trovo splendidamente!! mai più senza! il primo giorno uso comunque un assorbente per precauzione..ma userò 2 assorbenti a ciclo e non mille come di solito..eheh

  5. Jo sei il mio mito! Io l'ho conosciuta 5 anni fa e all'inizo mi dicevo che mai l'avrei provata. Poi da un anno ho iniziato a leggere recensoni varie a chiedere in giro e verso natale mi ero quasi decisa a comprarla ma poi ho rimandato. La mia titubanza è dovuta principalmnete al fatto che pensando ad un futro dove si spera che lavorerò, non so se sarà igienico lavarla in un bagno che non il mio, io sono fissatissima su queste cose!
    C'è da dire comunque che io utilizzo solo assorbenti esterni completamente biodegradabili, fatti con cotone bio, materbi e non sbiancati con il cloro, perchè sono delicatissima e quelli normali mi fanno irritazione. Ed è anche per questo che sto tentennando nell'acquisto, perchè se fossi rimasta con i vecchi assorbenti probabilmente l'avrei presa. Poi credo sia pure più comoda al mare, anche se io comunque da quando uso gli assorbenti di cotone non ho più saltato un giorno di mare neanche con il ciclo 😀

  6. Ciao dali! guarda dovessi dirti, a meno che tu non ti metta a lavorare 12 ore consecutive credo che sia fattibile tenerla anche lavorando fuori! Io sono stata al mare tutto il giorno con la coppetta, ho fatto diversi bagni, ho fatto veramente di tutto e l'ho tolta dopo 10 ore! Neppure una macchia e non era neppure del tutto piena (non era il primo giorno di ciclo) cmq se proprio sei in emergenza e non puoi inserirla nuovamente puoi sempre portarti dietro un assorbente esterno e lavarla e sterilizzarla una volta tornata a casa!

Rispondi a JoJo Annulla risposta