WHAT’S IN MY BRAIN? #14 – SENZA RITORNO!

Ciao Ragazze/i!

Con un po’ di ritardo sulla tabella di marcia mi accingo finalmente a scrivere il What’s in my brain? #14 ! L’articolo di oggi sarà diverso dal solito in quanto mancheranno alcune delle canoniche categorie, ma del resto non posso inventarmi la trama di film che non ho visto rubandola da Wikipedia! La realtà è che nel mese di Giugno non ho visto alcun film ne nuovi telefilm, mi sono infatti limitata a seguire le stagioni mancanti delle serie di cui vi ho già parlato. In compenso ho guardato moltissimi video sul tubo, quindi ne approfitterò per segnalarvi alcuni canali che adoro e che trovo veramente molto interessanti! Detto ciò, sappiate che il tema di questo articolo sarà l’oriente e in particolare la Corea.. siete avvisati!

City of Seoul KoreaIl What’s in my Brain? è il mio personale sfogo mensile che mi sono riservata qui sul blog per spaziare e diversificare gli argomenti trattati, è anche un modo simpatico per scoprirmi un po’ mostrandovi le mie passioni. Come immagino avrete intuito da numerosi post, ho da sempre uno smodato interesse per il Giappone e l’oriente in generale. Questa mia sana ossessione mi ha portata a frequentare il liceo artistico e, nonostante oggi faccia altro, posso dire che rimane assolutamente viva e vegeta resistendo allo scorrere del tempo. Anni fa, ben prima del boom mediatico dovuto alla canzone tormentone di PSY, ho iniziato ad ascoltare musica k-pop o pop coreano. Ero talmente contro corrente che spesso i video delle canzoni che ascoltavano venivano oscurati per gli utenti italiani e io finivo con l’impazzire nel cercarli su canali non ufficiali. Dopo “Oppa Gangnam Style” e “Oppa just my style” (versione al femminile in collaborazione con la Cantante Kim Hyun-a delle 4Minute), l’occidente si è maggiormente aperto allo scenario pop coreano e tutti i video spariti sono magicamente riapparsi l’uno dopo l’altro. Recentemente ho ripreso in mano le mie vecchie playlist musicali e ho cominciato a informarmi maggiormente su questi cantanti vagamente alieni e dalle v-line perfette, scoprendo letteralmente un mondo.

Qui approdiamo alla prima categoria di oggi..

1.CATEGORIA SITO/BLOG: in questa mia smodata ricerca di informazioni sull’entertainment coreano sono capitata sul blog di Persi in Corea!

okokokoko

Persi in Corea è un bellissimo sito gestito da tre ragazze Italiane (Anna, Laura e Bora) che hanno deciso di trasferisti in Corea del Sud. Ognuna di loro ha avuto un percorso differente: Laura ha studiato coreano a Seoul per un periodo ed è tornata in Italia per lavorare, Anna frequenta l’università in Corea mentre Bora lavora come insegnate di Italiano in una scuola privata. Nel loro angolino on line ognuna racconta le motivazioni dietro al trasferimento, le proprie esperienze e le “stranezze” in cui si imbattono quotidianamente vivendo in una realtà così distante dalla nostra dando inoltre consigli pratici per viaggi e soggiorni in Corea del Sud. Insieme al sito esiste anche l’omonimo canale You Tube che vi consiglio di guardare assolutamente! Sul canale trovate home tour (vi stupirete dell’organizzazione coreana e dei soppalchi raso soffitto assolutamente claustrofobici), v-log e video di “buone maniere coreane”. Se vi piace fare baldoria con gli amici al pub vi suggerirei il video del galateo alcolico o dei giochi alcolici, per una serata a tema potrebbero sempre tornare utili 😀 Kombè! (건배!)

2.CANALE YOU TUBE DEL MESE: grazie a “Persi in Corea” ho potuto conoscere Marco Ferraro e il suo canale You Tube “Seoul Mafia“.

maxresdefault

Marco (in arte Marko con la “K”) è un ragazzo italiano che lavora nel mondo dello spettacolo coreano. Da quel che ho capito canta, balla, fa numerose pubblicità e partecipa a programmi televisivi, inoltre il suo stesso canale è sovvenzionato da un’agenzia coreana che lo paga per creare contenuti on line. I suoi video spaziano dai v-log con la coinquilina Vina (che adoro), a video di make-up con il coinquilino Jiho truccatore di idol (in corea anche gli uomini si truccano), a video reactions. Tutto questo condito dall’immancabile saluto di chiusura “PIZZA, CARBONARA.. CIAO!”, ovvero le uniche parole che i coreani associano all’Italia e alla lingua italiana! I video on line sono principalmente in inglese e sono assolutamente capibili.. se proprio però avete difficoltà, potete attivare i sottotitoli in italiano 😉

3.CATEGORIA LIBRO: Siccome chi mi conosce di persona sa che sono lievemente fuori di testa.. presa dalla mia rinnovata smania di conoscenza ho deciso di lanciarmi nello studio del coreano da autodidatta! Insomma, sentire canzoni coreane e non capirne il significato è assolutamente snervante! Ho perciò fatto un po’ di ricerche in rete e sono giunta all’acquisto di due collane:

lingua coreana 1 e 2

corso di lingua coreana hoepli

Entrambi i testi sono curati da professori universitari italiani in collaborazione con madrelingue coreane, in particolare l’edizione della Ca Foscarina da due volumi è curata dal Prof. Andrea De Benedittis della Ca Foscari di Venezia mentre l’edizione Hoepli è curata dalla Prof.ssa Antonetta Bruno dell’Università di lingue orientali di Roma.  Ho cominciato ad utilizzare entrambi i volumi e personalmente, se dovesse interessarvi l’acquisto, vi consiglio maggiormente la versione della Hoepli in quanto decisamente più completa nella parte dedicata alla grammatica, ricca di esercizi e simulazioni di conversazione.

4.CATEGORIA CANZONE: parlandovi di k-pop non potevo non proporvi almeno un titolo della mia band idol preferita, i BIG BANG!

gd_fashion_black_white_704

bigbang

Per spezzare una lancia a favore della musica occidentale, ammetto di aver ascoltato anche Benjamin Wallfisch & Disa – New World Coming, colonna sonora del nuovo film di Tim Burton Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali attualmente in uscita nelle sale.

5. CATEGORIA APP: Se siete proprietari di iPhone (ma credo sia disponibile anche per Android) e volete imparare le lingue vi consiglio l’app gratuita Nemo. L’app è disponibile in 34 lingue compreso il coreano e ogni giorno vi propone un numero di parole da memorizzare e imparare. Ogni parola presenta la traduzione, la scrittura fonetica ed è corredata di voce per impararne la pronuncia corretta.

shot_nemo_method_it

E’ un’app veramente carina e intelligente, utilissima anche per fare un semplice e veloce ripasso giornaliero di inglese!

6. CATEGORIA BEAUTY: il premio “ossessione del mese” se l’aggiudica senza ombra di dubbio il profumo The Silk Kanebo Sensai Acqua di Profumo inviatomi in campioncino da Stefania (leggi anche VINCITA INASPETTATA! per saperne di più).

DSC_0624

Anche per oggi concludo qui! Vi do appuntamento al prossimo post e se tra di voi ci fossero delle fan del k-pop fatevi avanti.. non lasciatemi sola! 😀

PS: Questo articolo ti è piaciuto così tanto da sentire un’impellente bisogno di mettere un like? Fallo e continua le tue bucoliche letture facendo una scorpacciata dei What’s in my brain? precedenti ;):

logo firma

Published by

NaturalmenteJo

Ciao! Sono Giorgia, ma sul web potresti conoscermi come NaturalmenteJo. Tecnico ambientale con un diploma in grafica pubblicitaria, ho deciso di reinventarmi a 360° dedicandomi a due delle mie più grandi passioni: la scrittura e la cosmesi verde. Un po' eterna Peter Pan, credo ancora che per realizzare i propri sogni basti impegnarsi e perseverare! Il mio motto? La vita è troppo breve per essere sprecata a realizzare i sogni degli altri. Per maggiori info su di me visita la pagina "about me".

5 thoughts on “WHAT’S IN MY BRAIN? #14 – SENZA RITORNO!

  1. Fan della Corea a rapporto! (Sono quella che ti aveva scritto su IG riguardo i testi universitari) 😂
    È un po’ di tempo che sono uscita dal tunnel della Corea purtroppo, ma la passione risale a una decina di anni fa, iniziata con i dorama…i Big Bang li ascoltavo anche io, non so se conosci, ma se ti garba anche un pochino l’indie, ascolta i Clazziquai (c’è anche una canzone del cantante, Alex, che si chiama Flowerpot ed è bellissima 💚).

    1. Siiiiiii mi ricordo di te!!! 😊😊😊 l’indie l’ho ascoltato di sfuggita e non sono riuscita a farmi un’idea precisa, appena si riprende la linea provo a cercare i Clazziquai e Alex con Flowerpot! Grazie mille del suggerimento 😘

  2. Tanta stima per te che vuoi imparare il coreano!! Io ho la versione Giapponese del libro della Hoepli (siamo proprio pazze!) Io sono più una fan storica della musica giapponese (a causa degli anime) ma solo perchè conosco pochi coreani gruppi (praticamente solo i big bang e le snsd)…argh devo aggiornarmi!

    1. Sai in realtà il coreano è molto più semplice del giapponese! Ogni lettera corrisponde ad un suono e in due ore sei già in grado di leggere (imparare i significati delle parole è un altro discorso invece :D)! Ultimamente ascolto solo i Big Bang ma mi sono fatta una cultura anche su alcuni gruppi femminili tipo le 4minute, 2NE1 e ovviamente come te le girl’s generations (sono le prime che ho ascoltato in assoluto) 😉

Rispondi